Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:POGGIBONSI11°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 23 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Inter, la festa infinita nello spogliatoio dopo la vittoria

Attualità martedì 28 aprile 2015 ore 09:01

Via Aldo Moro: "Il danno è stato per i cittadini"

Chiarezza e trasparenza da parte del sindaco Bussagli in risposta alle accuse di danno erariale per un progetto che ha passato almeno due legislature



POGGIBONSI — “La Corte dei Conti sta facendo correttamente il proprio lavoro che auspichiamo si possa concludere nel più breve tempo possibile. A nessuno fa piacere essere coinvolto in queste vicende. Tuttavia ribadisco che sono e siamo tranquilli perché convinti di aver fatto scelte corrette nell’interesse della nostra città”. E' stato questo uno dei temi principali della risposta che il sindaco di Poggibonsi David Bussagli ha dato a tutto il consiglio comunale riguardo all'accusa di danno erariale piovuta addosso a ventidue persone, tra sindaci, consiglieri, assessori e dirigenti comunali. Una vicenda che si è sviluppata nel corso degli anni e che ha visto susseguirsi diversi passaggi che lo stesso sindaco ha ripercorso in maniera dettagliata e serena. “Se danno c’è stato – ha detto il primo cittadino - è stato per le famiglie che potevano fruire di queste case o per i nostri ragazzi che potevano frequentare, o ambire in tempi brevi, ad una struttura scolastica all’avanguardia”. In tutto questo percorso, durato due legislature, sono state affrontate tematiche relative alla situazione generale del Monte dei Paschi, che all'epoca aveva finanziato il progetto, così come delle ristrettezze delle casse comunali in fatto di trasferimento statali e patto di stabilità, oltre a percorsi urbanistici andati decisamente a rilento. Una vicenda figlia dunque dei tempi mastodontici della macchina burocratica e amministrativa, oltre al fatto che di mezzo c'è comunque stato un allungamento dei tempi del progetto che si è scontrato poi con le difficoltà di reperire risorse. Un'analisi fatta dal sindaco in strema tranquillità, rispondendo anche alle opposizioni che avevano chiesto, in maniera congiunta, una risposta all'interno della seduta consiliare: “Il consiglio comunale di Poggibonsi aveva approvato la delibera senza nessun voto contrario”. Il sindaco ha anche detto che con le modifiche al regolamento urbanistico e al piano strutturale si è aperta solo adesso la possibilità di poter portare a termine il progetto e che si tratta di un'occasione da non dover perdere: “Oggi quel terreno – ha spiegato ancora - è nelle disponibilità dell’Amministrazione e ci mette nelle condizioni di cogliere le opportunità che, se pur timidamente, si sono aperte. Opportunità che non intendiamo perdere. Parlo della riapertura dei bandi per l’edilizia scolastica, parlo di tutto il tema degli alloggi Erp in vendita legato alla nuova normativa regionale. Tutti spiragli che possono legittimamente farci pensare che questo complesso progetto avviato due Giunte fa possa oggi prendere corpo”. Rimane l'aspetto relativo al valore esatto del terreno: perché se le tre stime a cui ha accennato il sindaco sono concordo sul valore stesso del terreno, non lo è la corte dei conti. Le prossime settimane saranno cruciali per capire quanto il lavoro degli avvocati sia stato determinante per far emergere ulteriori verità sulla vicenda.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dopo il crollo delle temperature Coldiretti esprime preoccupazione per le gelate tardive che rischiano di compromettere raccolti e miele
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità