Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:01 METEO:POGGIBONSI20°34°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden: «Oggi è un giorno triste, a rischio salute delle donne»

Attualità sabato 18 giugno 2022 ore 16:15

Dai lavori per il depuratore spunta una tomba

E’ il primo ritrovamento del genere nel territorio di Barberino Tavarnelle, che accende i riflettori sulla storia dell'Impero Romano



BARBERINO TAVARNELLE — Il Chianti è terra etrusca come testimoniato dalle decine di ritrovamenti nei vari Comuni della zona. Ma da adesso si può iniziare a parlare anche di Impero Romano. La storia imperiale in questi territori è lacunosa e sommersa dalla molto successiva presenza medievale.

Durante i lavori di realizzazione del sistema fognario e della depurazione a cura di Publiacqua, nella frazione di Marcialla nel Comune di Barberino Tavarnelle, è stata infatti scoperta parte di una tomba romana.

“Le pratiche di sepoltura nell’antica Roma si differenziavano nella cremazione e nell’inumazione - spiega il funzionario della Soprintendenza Michele Bueno - compresenti almeno fino al I-II sec. d.C., a partire da quando il rito dell’inumazione prevale su quello dell’incinerazione”.

All’interno della tomba di Marcialla sono stati rinvenuti, oltre a resti di cenere e frammenti ossei, una moneta di età medio imperiale, il cosiddetto obolo di Caronte, che faceva parte del corredo funebre che accompagnava i defunti nel passaggio all’Aldilà e alcuni frammenti ceramici sempre legati al rito di sepoltura. La tomba di medie dimensioni (un metro per 3 metri) è rivestita in ciottoli.

“La scoperta della tomba romana - aggiunge il sindaco David Baroncelli - costituisce un tassello di alto profilo storico che definisce il quadro degli insediamenti che si spingono fino all’età imperiale e stabilisce una logica di continuità nell’età romana di cui fino ad oggi mancava una concreta attestazione”.

I reperti rinvenuti andranno ad arricchire il patrimonio dell’Antiquarium di Sant’Appiano, piccolo ma prezioso scrigno di tesori del passato scoperti e riemersi nel territorio, il posto perfetto per questo nuovo ritrovamento.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità