Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:42 METEO:POGGIBONSI13°27°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 25 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità martedì 27 luglio 2021 ore 15:01

Stragi naziste, coordinamento per non dimenticare

Comuni toscani e quello di Marzabotto hanno creato un collegamento istituzionale per dare vita ad iniziative unitarie



BARBERINO TAVARNELLE — Con l’adesione di 14 Amministrazioni di diverse aree, provenienti dalle province fiorentine e  senesi con la partecipazione anche di Marzabotto è nato il primo nucleo di  un progetto più ampio. Il Coordinamento intercomunale un'esperienza inedita a livello regionale, costituito da Comuni della Toscana e dell’Emilia Romagna, le rispettive sezioni Anpi e le organizzazioni sindacali (Cgil, Cisl e Uil). 

Un progetto lanciato dalla giunta Baroncelli che ha visto sancire la nascita della rete della memoria nel palazzo comunale di Barberino Valdelsa, in una data carica di significato, il 23 luglio. Nel 1944 in quel giorno fu perpetrata la strage di Pratale.

Attorno al tavolo della sala consiliare si sono seduti i sindaci e gli assessori dei Comuni di Bagno a Ripoli, Barberino Tavarnelle, Bucine, Casole d’Elsa, Colle Val d’Elsa, Impruneta, Firenze, Fucecchio, Greve in Chianti, Marzabotto, Monteriggioni, San Casciano Val di Pesa, San Gimignano, Stazzema. L'obbiettivo è scambiare riflessioni e progetti e sottoscrivere formalmente la dichiarazione di intenti per la diffusione della memoria delle stragi nazifasciste in Toscana.

“Ricordare è una funzione vitale del nostro essere cittadini - dichiara il sindaco David Baroncelli - senza la memoria e la conoscenza di ciò che è stato in uno dei periodi più cupi della nostra storia, non possiamo neanche pensare di amministrare e progettare il futuro delle nostre comunità”.

Come si evince dal documento, il coordinamento è ufficializzato con l’obiettivo di potenziare e promuovere l’attività di diffusione, conoscenza e documentazione delle stragi, supportare percorsi di studio, ricerca e approfondimento, mettere in luce anche agli episodi meno noti.  Attivare tutte le iniziative per non dimenticare e trasferire ai giovani la necessità di alimentare la memoria collettiva, che si amplia e si rafforza negli obiettivi della rete.

Il Coordinamento, nato in occasione del 77esimo anniversario della strage di Pratale, è stato salutato con favore dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. Un'iniziativa che mira ad allargarsi ad altri territori, sia nella Regione che nel resto d'Italia. Un sistema rete che preservi il ricordo con atività e manifestazioni, per tenere vivo il ricordo e portarlo nel futuro come monito.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Inaugurato il primo smart-center della zona: presenti il sindaco e il parroco. Nuova opportunità per il mondo del lavoro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità