Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:POGGIBONSI16°28°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 22 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt canta sul volo Venezia–Bari: dal microfono degli assistenti di bordo canta il brano «Musica italiana»
Rocco Hunt canta sul volo Venezia–Bari: dal microfono degli assistenti di bordo canta il brano «Musica italiana»

Politica mercoledì 23 febbraio 2022 ore 07:00

Il consigliere Aggravi contro i neologismi

A seguito delle comunicazioni della Biblioteca Comunale è intervenuta come esponente della lista civica



COLLE VAL D'ELSA — Sofia Aggravi, Consigliere Comunale a Colle Val d'Elsa per la civica "Su per Colle" e già giovane assessore nella passata giunta colligiana, è intervenuta sulla questione della parità di genere e dei neologismi sempre più utilizzati anche in Valdelsa.

“Sono contraria alla declinazione al femminile dei nomi comuni, in quanto l''autodeterminazione della donna parte dalle sue competenze - esordisce la Aggradi - Non sarà certo una "a" ad aiutarci a raggiungere parità genere".

L'intervento nasce anche a seguito di una comunicazione della Biblioteca Comunale Braccagni, che ha iniziato, nelle sue comunicazioni social, a inserire l'asterisco e la schwa, utilizzati per la parola "bambin*.

"Una biblioteca dovrebbe essere un ambiente neutro politicamente, che non si schiera - commenta la Aggravi - specie sui bambini, sono contraria a imposizioni dall'alto, come gli asterischi: un bambino deve essere libero".

Ha le idee chiare la giovane consigliere della lista civica: "come ho avuto modo di dire ad una mia collega in Consiglio: non conta con quale desinenza mi chiamino, ma che a fine mese abbia il diritto alla stessa retribuzione di un uomo. Avere la possibilità di un congruo congedo parentale. Quando si parla così tanto di una cosa è perchè si vuole sottolineare quello che non c'è, e che è imposto".

Infine, un excursus storico: "mi auguro che quando il sindaco Paolo Canocchi mi ha scelto, lo abbia fatto come persona, e non come quota rosa - confessa Sofia - non è l'imposizione di un numero che può portare all'autodeterminazione o alla meritocrazia. Ma è un qualcosa che ci ferma e ci impedisce di crescere. Vorrei essere giudicata per quello che sono, con le mie capacità, e non solo perchè "donna".

Un intervento forte e chiaro, che certamente farà parlare di sè in Consiglio Comunale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Rovesci e acquazzoni sono attesi col transito di una perturbazione che raggiungerà la Toscana nel fine settimana. Ecco quando portare l'ombrello
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità