Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:20 METEO:POGGIBONSI13°26°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
mercoledì 12 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Hamas getta la maschera

Cronaca venerdì 27 giugno 2014 ore 09:50

Formazione e innovazione per le case del futuro

All'ITS “Energia e Ambiente” la presentazione del progetto europeo Elih-Med che punta all'efficientamento energetico di abitazioni a basso reddito



COLLE DI VAL D'ELSA — Fare sistema tra tutti i soggetti e le forze attivi nell’ambito dello sviluppo sostenibile e dell’efficientamento energetico puntando su formazione, innovazione e competitività e contando su una strategia di sviluppo a livello europeo e su risorse regionali. E' quanto emerso dal convegno che si è svolto ieri all’ITS Istituto tecnico superiore “Energia e Ambiente” di Colle di Val d’Elsa dove si è parlato di riqualificazione energetica e di ecoedilizia conoscendo da vicino il progetto europeo Elih-Med, Energy Efficiency in Low Income Housing in the Mediterranean, promosso per rendere energeticamente efficienti le case a basso reddito presenti nei Paesi del Mediterraneo (circa il 40 per cento delle abitazioni complessive) favorendo il raggiungimento degli obiettivi Ue 2020: ridurre le emissioni di gas serra del 20 per cento; aumentare l’efficienza energetica del 20 per cento e ricavare il 20 per cento del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili. Il convegno - promosso in collaborazione con l’Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile - ha coinvolto esperti e professionisti del settore dell’edilizia, delle energie rinnovabili e dell’efficienza e risparmio energetico, mettendo a confronto le esperienze promosse in questi ambiti e auspicando una diffusione crescente di buone prassi nella salvaguardia ambientale e nel risparmio energetico.

“L'ITS 'Energia e Ambiente' - ha detto il presidente, Luciano Carapelli aprendo il convegno - sta intensificando il lavoro sull'alta formazione professionale in ambito green e si sta consolidando sempre di più come punto di riferimento nel Centro Italia, al fine di contribuire allo sviluppo di progetti realizzabili nel breve periodo e di iniziative sull'efficientamento energetico, anche attraverso fondi europei e il sostegno della Regione. Grazie a questo impegno, anche oggi Comuni e ordini professionali hanno richiesto al nostro istituto di concretizzare presto accordi e collaborazioni sul tema dell’efficientamento energetico”.

A introdurre il progetto Elih-Med è stata, poi, Anna Moreno, responsabile del servizio Formazione e informazione dell’Unità di efficienza energetica dell’Enea, che ha sottolineato l’importanza di capitalizzare i risultati ottenuti dai progetti di efficientamento energetico promossi in Europa e in Italia e la necessità di puntare su priorità quali formazione professionale, innovazione e investimento dei fondi europei disponibili (l'Italia ne ha spesi finora solo il 40 per cento) per favorire crescita e occupazione. In questo ambito, indirizzi strategici e obiettivi primari sono sintetizzati nel Policy paper e nella Dichiarazione di Lubiana sottoscritta nel 2012 da istituzioni, agenzie energetiche territoriali, Università e altri soggetti di molti Paesi europei.

Il progetto Elih-Med -che si rivolge a inquilini, proprietari e famiglie a basso reddito non facilmente raggiungibili dalle tradizionali politiche pubbliche in materia di efficientamento energetico e verso i quali servono strategie innovative - è stato avviato con una fase di sperimentazione in Italia, Spagna, Francia, Grecia, Cipro e Malta, coinvolgendo aree diverse sotto il profilo geografico, sociale e di contesto climatico. La fase successiva sarà la promozione delle buone prassi, per arrivare quasi ad azzerare il fabbisogno energetico delle abitazioni a basso reddito. In Italia gli interventi di riqualificazione hanno coinvolto circa 100 abitazioni ripartiti fra condomini di Genova e Frattamaggiore (Napoli) e abitazioni rurali nella provincia di Sassari. Il convegno ha raccolto le testimonianze di questi progetti pilota, che hanno evidenziato la sinergia fra i soggetti coinvolti e lo sviluppo del progetto articolato su più fasi: dal monitoraggio alla selezione degli edifici fino all'attuazione degli interventi puntando su massimizzazione dei risparmi energetici, realizzazione di opere non eccessivamente invasive e rispettose del contesto di riferimento, risposta al fabbisogno e attenzione per l'accumulo energetico.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al secondo turno si sfideranno l’ex sindaco di Casole d’Elsa e il candidato del centrosinistra. Appuntamento 23 e 24 Giugno. Voti e percentuali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Politica