Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:POGGIBONSI11°21°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità martedì 11 agosto 2015 ore 14:57

"L'Atc ormai è una farsa"

Il Commissario se ne è andato senza pagare i danni degli ungulati: agricoltori sul piede di guerra, la Cia alza la voce



VALDELSA — “La storia degli Ambiti territoriali di caccia in provincia di Siena, assume ormai i connotati di una farsa vera e propria”: parole che risuonano come musica per agricoltori e cacciatori della Provincia e soprattutto della Valdelsa quelle pronunciate dalla Cia di Siena. Valdelsa protagonista perché, come ormai noto, le aziende agricole che ricadono nell’area ATC 17, non hanno ancora avuto i rimborsi per i danni degli ungulati perché il commissario, prima di andarsene, non ha pagato quanto dovuto.

“Situazione grottesca – l'ha definita Luca Marcucci, presidente Cia Siena, nel commentare anche i ritardi di operatività della nuova Atc senese a dispetto di altre aree toscane già operative da mesi - un caos difficile da gestire, seppur con tutta la collaborazione e buona volontà da parte degli agricoltori, perché quello che avevamo annunciato e denunciato si sta puntualmente verificando, le risorse che spettano alle aziende agricole dell’Atc 17 ancora non si vedono”. La stessa Cia fa infatti sapere che la nuova ATC unica è già legalmente costituita, ma non può ancora prendere in carico i bilanci dei tre vecchi Atc perché sembrano slittare incontri fra i commissari, così come non ci sono più uffici degli Atc funzionanti al pubblico e con difficoltà vengono reperiti i tecnici faunistici utili per ogni tipo di programmazione faunistico-gestionale.

Mentre la burocrazia si decide a fare il suo corso, gli agricoltori e i cacciatori stanno ad aspettare: chi non aspetta, sono invece gli ungulati, che crescono di numero e fanno aumentare i danni nelle aziende agricole: “Auspicando – ha concluso il presidente Cia Siena Marcucci - che non si ripetano episodi come quello dei giorni scorsi in Sicilia, dove un agricoltore è stato sbranato a morte da un gruppo di cinghiali. Forse c’è ancora chi pensa che il problema ungulati non sia un vero e proprio allarme sociale come noi ripetiamo da troppi anni. Sarebbe l’ora di voler risolvere questa piaga una volta per tutte”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno