Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:33 METEO:POGGIBONSI17°31°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
giovedì 26 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Stromboli, notte di paura per un incendio: «Le fiamme partite forse dal set di una fiction»

Attualità domenica 23 gennaio 2022 ore 16:56

Cambio di strategia sulla Tari

Assessore Nisi: “credo che siano stati fatti degli errori di valutazione progettuale piuttosto importanti”



MONTERIGGIONI — L’Assemblea dei Sindaci di ATO Toscana Sud al punto 3 dell’Odg prevedeva l’approvazione di una delibera intitolata “Effetti sui PEF comunali a fini TARI del triennio 2022-2024 indotti dalla rideterminazione della Ripartizione comunale del Totale d’Ambito del Conguaglio PEF per gli esercizi 2018 e 2019 ricalcolata in applicazione dei Driver di Consuntivo”.

L’atto ha evidenziato per Monteriggioni, caso unico in tutta l’ATO, una differenza tra Consuntivo e Preventivo pari al +6,38% riferito agli anni 2018 e 2019.
Una conseguenza non di poco conto, infatti la somma che andrà imputata per i prossimi tre anni, è dovuta allo scostamento tra preventivo e consuntivo 2018 – 2019 ed è complessivamente pari ad 129.426 euro che saranno, quindi a carico delle prossime bollette Tari.

"Ritengo che sia doveroso – afferma Diana Nisi, assessore all’ambiente – tenuto conto dell’effetto che questo produrrà in termini di TARI per il nostro comune, informare la cittadinanza su quanto avvenuto. Si tratta di uno scostamento che riguarda la previsione sia dei ricavi che dei costi. Sebbene sia naturale che consuntivo e preventivo non coincidano, la variazione, però, in questo caso è considerevole. Credo che siano stati fatti degli errori di valutazione progettuale piuttosto importanti".

Motivo per cui la Giunta è al lavoro per un'inversione di rotta.

"La nostra volontà, per quanto possibile, è quella di cercare di determinare costi certi che rispondano all’effettivo servizio reso nell’arco temporale interessato – conclude l’assessore Nisi – questo per due motivi, il primo è proprio quello di far pagare i servizi a quella che è la platea degli utenti nel periodo in cui vengono svolti; l’altro è perché comprendiamo l’impatto che simili variazioni possono comportare nelle economie di cittadini e imprese. Chi amministra un ente locale deve produrre il massimo sforzo per offrire sicurezze ai contribuenti, anche a costo di fare scelte impopolari, purché siano giustificate dall’obiettivo da raggiungere e siano spiegate con chiarezza".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Inaugurata la targa indicante simbolicamente l'antica "fonte del Pinocchio" e la "Costa del Pinocchio"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità