Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:POGGIBONSI12°25°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni, messaggio a Schlein: «Dica quali libertà avrei cancellato»

Attualità mercoledì 24 maggio 2017 ore 10:59

"Integrazione vuol dire più sicurezza"

Il Pit denuncia un episodio che ha messo a rischio un quartiere: tre bombole di gas in un garage. "Bisogna insegnare le norme di sicurezza a tutti"



POGGIBONSI — "Sono state segnalate tre bombole del gas ad uso abitativo tenute in un garage senza alcuna misura di sicurezza", segnalano dal Partito Indipendentista Toscano. Un episodio che poteva risultare senza dubbio pericoloso e che avrebbe potuto avere delle gravi conseguenze ma che, fortunatamente, è stato sventato dalla Municipale e dai vigili del fuoco.

"Il posto - continua la nota del Pit - è di proprietà di alcune persone non Italiane e che purtroppo parlano appena la nostra lingua. Visto i differenti usi e costumi che si possono avere in altre parti del mondo è possibile che dove sono vissuti questa cosa non faccia sussistere un problema di sicurezza".

"Siamo dell'idea che il dialogo è la prima formula essenziale per l'integrazione", afferma Mori del Partito Indipendentista Toscano, "per questo molte volte rimaniamo stupiti o sentiamo lamentele da parte di cittadini Italiani sul comportamento di persone che vengono da altri paesi". 

Secondo il Partito Indipendentista Toscana bisognerebbe spiegare a chi viene da un altro paese le leggi che tutti devono seguire.

"Nel nostro territorio - continua Mori - ci sono delle regole precise che vanno rispettate e sicuramente, la detenzione di bombole del gas in un luogo non adatto, rientra nelle cose da non fare. Però la colpa non è loro se non riconsegnano le bombole vuote o gettano materiale tipo materassi ai bidoni della spazzatura, anche gli Italiani lo fanno". 

Quindi per il Partito Indipendentista: "Per limitare il problema avevamo già chiesto un anno circa da ora al Comune di Poggibonsi se fosse possibile apporre su i bidoni degli adesivi, che sono già presenti in altri Comuni senesi, per spiegare il ritiro gratuito dei materiali ingombranti. Serve informazione e formazione. Senza queste basi la convivenza anche tra gli autoctoni sarà sempre più difficile". 

Il Pit di Poggibonsi chiede quindi chiede agli enti preposti "che formino ed informino i cittadini stranieri che vengono ad abitare e lavorare nel nostro paese, ed al contempo che venga fatta una azione come da noi proposta appunto un anno fa, di stampare degli adesivi da mettere sui bidoni con scritto la modalità per gli oggetti ingombranti in varie lingue, così da evitare che anche gli Italiani abbandonino i rifiuti ingombranti fuori dai cassonetti, aumentando così degrado ed inciviltà in quanto poi il "lo fanno tutti" è la scusa del momento. Se il Comune di Poggibonsi non pensa che sia il caso di prendere provvedimenti almeno per ciò che riguarda l'informazione sui bidoni tramite adesivi multilingue o non è in grado, che ci contatti ed autorizzi, in tal caso cercheremo noi tramite aiuti dalla popolazione e dalle aziende, di stampare gli adesivi e fare dei depliant per migliorare la qualità e pulizia della nostra città. Restiamo come sempre aperti al dialogo con chiunque perché comunicare è fondamentale in una società civile".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Decolla l'indagine che coinvolge 46 territori comunali in Toscana e circa 800 in Italia. Aderire è obbligatorio. Ecco l'elenco dei Comuni interessati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità