Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:POGGIBONSI15°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, rissa scoppiata alla Darsena tra lanci di bottiglie e scazzottate

Attualità venerdì 15 gennaio 2021 ore 13:36

Cicloturismo, nasce “Strade di Siena”

Una rete di percorsi tra Valdelsa, Chianti e Senese metterà in comunicazione i vari itinerari del territorio. Anche Sovicille è tra i Comuni interessati



SOVICILLE — Il progetto di creare una rete di strade bianche e asfaltate che permettano di apprezzare le bellezze della Provincia di Siena, sta muovendo i primi passi. Nasce una vera e propria rete per il cicloturismo, o come lo definiscono in sede istituzionale, per il turismo lento.

Percorsi caratterizzati da grande fascino e attrattiva. La via Francigena, la Lauretana e le strade dell'Eroica sono solo alcuni esempi della spettacolarità di percorsi presenti nel territorio.

"Un prodotto turistico omogeneo che comprende ben 28 comuni della provincia di Siena e che vede nascere un sito internet ed un account, finalmente al servizio di tutti coloro che sognano di percorrere per la prima o l’ennesima volta, questi itinerari meravigliosi. Insomma il 'paradiso' dei viandanti sulle due ruote" - affermano gli organizzatori.

La sfida è quella di attrarre sempre più ciclisti alla scoperta di borghi e paesaggi non per forza turistici, ma altrettanto affascinanti e ricchi di storia. Tra i 28 Comuni coinvolti ci sono realtà come  Casole d'Elsa che sono già entrati nelle rete del cicloturismo e tanti altri ci stanno entrando per la prima volta. E' il caso di Sovicille, che considera i viaggiatori sui pedali una opportunità e il futuro del turismo.  

Oltre a itinerari suggestivi, nel portale sono presenti le strutture turistiche disponibili e adeguate ad ospitare proprio questa nuova categoria di viaggiatori. Un tipo di clientela capace di mantenere le distanze di sicurezza e "staccare" in salita il contagio.

Insomma, un modo diverso di accogliere il viaggiatore. La sfida della ripartenza post Covid sarà proprio quella di riuscire ad intercettare le nuove forme di turismo che stanno nascendo e si stanno sviluppando rapidamente. 

Una di questa è proprio il cicloturismo che porterà sull'intero territorio ricchezza e qualità della vita.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità