Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:08 METEO:POGGIBONSI11°20°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
martedì 16 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sale su una piattaforma proibita per scattare un selfie e precipita nel vuoto: morta un’influencer russa

Attualità sabato 05 agosto 2023 ore 16:50

Stranieri conquistati dal cibo toscano, export da record

cibo toscano

Olio, frutta e verdura, pasta e vino protagonisti sulle tavole d'Oltralpe per un giro d'affari da 875 milioni di euro in un solo trimestre



FIRENZE — Stranieri conquistati dal cibo toscano, con l'export dell'agroalimentare che decolla in un balzo del +5% nel primo trimestre 2023 per un giro d'affari di 875 milioni di euro. A trainare sono le ottime performance dell’olio (+12,7%) e di frutta e verdura fresca e trasformata (+24%). Bene anche la pasta (+8%) e naturalmente il vino che resta il prodotto più commercializzato oltre i confini nazionali (+0,6%). 

A trascinare il paniere regionale sono soprattutto la Francia per l’Eurozona (+17%) e gli Stati Uniti (+11%). A dirlo è Coldiretti Toscana sulla base dei dati Istat sulle esportazioni nel periodo Gennaio-Marzo 2023. 

E’ l’Europa il principale mercato per il paniere agroalimentare toscano con 562 milioni di euro complessivi (+5%). A spiccare come detto è la Francia (111 milioni di euro), mentre frena del 7% la Germania che comunque è primo consumatore storico dei prodotti toscani (123 milioni di euro. Decelerazione anche nel Regno Unito: -15% e 50 milioni di euro. Salgono la Svizzera (+5%) e la Grecia (+18%). 

Fuori dall'area euro si consolida il ruolo di primo piano degli Stati Uniti con quasi 200 milioni di esportazioni (+11%). Male invece il Canada (-19%) e la Cina (-37%). In caduta libera i flussi commerciali verso la Russia e l’Ucraina (-76%), due mercati che prima del conflitto valevano 30 milioni di euro e che invece oggi insieme acquistano poco più di 7 milioni di euro di prodotti agricoli regionali.

Il bacino potenziale delle esportazioni è ben più ampio, se si considera quanti mettono in tavola prodotti che in realtà sono contraffatti: "Il falso Made in Tuscany nel mondo vale oltre 6 miliardi di euro, più del doppio del valore delle esportazioni di cibo, olio e vino regionali venduti al di fuori del nostro Paese", fa il conto Coldiretti Toscana. 

Il punto è che i cibi toscani possono contare sulla marcia in più del loro potere evocativo di un contesto, quello della Toscana appunto, fatto di autenticità, valori genuini, cultura e bellezza: "Quando un consumatore tedesco, americano o cinese pensa al nostro vino, al nostro olio, ai nostri salumi pensa ai valori dei nostri agricoltori e alla Dieta Mediterranea”, afferma la presidente regionale dell'associazione Letizia Cesani.

"Merito dei valori di qualità, sicurezza alimentare, trasparenza, identità e legame profondo con il territorio, il paesaggio e la storia che la nostra agricoltura ha saputo preservare, coltivare, valorizzare e modernizzare anche nell’approccio commerciale internazionale", sottolinea. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'assaggio d'estate dei giorni scorsi è già finito. Dalla tarda serata il tempo cambierà e per 24 ore sono previsti temporali, vento forte, mareggiate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Attualità

Cronaca