Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:17 METEO:POGGIBONSI17°33°  QuiNews.net
Qui News valdelsa, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdelsa
domenica 14 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Berlusconi: «Io al Quirinale? È fuori dalla mia testa Sono soddisfatto dalla vita»

Attualità venerdì 17 giugno 2022 ore 15:44

A Roma con il Ministro a parlare di Geotermia

Luca Rossini: "Fare sinergia con le istituzioni e con tutte le realtà del settore per crescita rinnovabili"



RADICONDOLI — Lo sforzo dei sindaci sta smuovendo qualcosa negli ultimi tempi, così da far arrivare la voce dei territori fino a Roma.

Si è parlato infatti dello sviluppo sostenibile della geotermia quale elemento fondamentale per la sicurezza energetica del Paese: questa la prospettiva emersa dagli “Stati Generali della Geotermia”, svoltisi ieri nella Capitale presso l’Hotel Nazionale in piazza Montecitorio con l’organizzazione del Consiglio Nazionale dei Geologi e la collaborazione di Enea e Ricerca sul Sistema Energetico.

Ai lavori, a cui è intervenuto in apertura il ministro per la transizione ecologica Roberto Cingolani, ha partecipato anche Enel Green Power che con il proprio responsabile Geotermia Italia Luca Rossini ha approfondito gli aspetti legati alla “geotermia come sviluppo sostenibile del territorio”.

“Da oltre 200 anni – ha detto Rossini – ovvero da quando nel 1818 è iniziato l’utilizzo industriale della geotermia, prima per l’attività chimica e poi dal 1904 per la produzione di energia elettrica, lo sviluppo della risorsa incentrato sulla sostenibilità ambientale ha permesso di rendere vivibile un’area che non a caso era definitiva valle del diavolo, a causa dei soffioni diffusi che trasformavano le terre geotermiche in luoghi ostili all’uomo. Oggi, invece, l’attività umana ha creato le condizioni perché il dialogo tra industria e ambiente sia promotore di turismo sostenibile”.

Rossini ha presentato l’attività geotermica di Enel Green Power in Toscana non solo dal punto di vista energetico, ma anche ambientale e sociale: la geotermia è, infatti, un’energia rinnovabile disponibile h24 che con oltre 5,5 miliardi di KWh annui prodotti dalle 34 centrali, dislocate tra le province di Pisa, Grosseto e Siena, consente di soddisfare più del 30% del fabbisogno elettrico regionale, rappresentando il 70% dell’energia rinnovabile toscana, e quasi il 2% a livello nazionale, ma permette anche di risparmiare 1,3 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio e di evitare l’emissione di 2,5 milioni tonnellate di CO2.

Numeri che confermano la geotermia vettore importante per la transizione energetica, soprattutto se si considera che la coltivazione sostenibile di questa risorsa riserva ancora ampi margini di sviluppo sia per la produzione di energia elettrica, ma anche per l’utilizzo del calore e per altre frontiere innovative, basti pensare che attualmente i 480 GWht di energia termica erogati in nove Comuni sede d’impianto (Pomarance, Castelnuovo Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, Radicondoli, Chiusdino, Piancastagnaio, Montieri, Monterotondo Marittimo, Santa Fiora, ai quali si aggiunge una parte della città di Ferrara), sia con i teleriscaldamenti residenziali che con le reti di calore dedicate alle attività industriali, artigianali e agricole per un totale di 13mila utenti, 26 ettari di serre e numerose attività della filiera enogastronomica teleriscaldate, portano importanti benefici socioeconomici, evitando il consumo di 1,1 MTep e tagliando al contempo l’emissione di oltre 120mila tonnellate annue di CO2.

La geotermia è sostitutiva di emissioni naturali e la realizzazione delle centrali stesse avviene con un’attenzione particolare all’inserimento paesaggistico, cercando di trasformare degli impianti industriali di energia rinnovabili in luoghi di interesse turistico con percorsi a cielo aperto visitabili liberamente.

“Ecco perché la geotermia – ha concluso Luca Rossini – è una risorsa fondamentale per la transizione ecologica, sia dal punto di vista elettrico che termico ma anche turistico e socioculturale. Il 95% della nostra attività ricade in Italia, di cui un un’ampia parte direttamente nei territori geotermici, dove esiste un indotto che coinvolge più di 80 imprese nei Comuni geotermici delle tre province di Pisa, Siena e Grosseto, e circa 150 ditte in tutta la regione per un totale di 1.500 addetti nelle aree geotermiche e oltre 4mila nel perimetro toscano. La nostra attività costituisce un’eccellenza nel mondo per le tecnologie utilizzate, la sostenibilità ambientale e le frontiere di innovazione che apre nel settore delle rinnovabili. Fare sinergia con le Istituzioni e con tutte le realtà del settore, sia aziendali che accademiche e di ricerca, come avviene oggi con Gli Stati Generali della Geotermia, significa dare un contributo importante all’Italia per affrancarsi dalle fonti fossili e sviluppare le rinnovabili con benefici energetici, ambientali ed economici per i territori”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Notte di follia per un giovane ha fatto girare la sua macchina nel parcheggio, ma ne ha perso il controllo andando a sbattere contro un garage
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità